Park Centro Stazione – I Materiali

Una particolare attenzione è stata posta nella scelta dei materiali per la realizzazione dell’organismo edilizio; la scelta è stata dettata dal principio della solidità, dell’affidabilità e della semplicità formale per meglio rapportarsi con le emergenze architettoniche presenti (in primo luogo il muro).

""

Per questo motivo sono stati scelti il calcestruzzo, l’acciaio ed il vetro: i primi due per coerenza estetica con la struttura che più che nascosta è stata denunciata come valore formale e qualitativo, il terzo come raccordo di trasparenza tra gli elementi strutturali e l’esterno.

Per gli elementi in acciaio emergenti (architravi degli ingressi ed uscite pedonali sul piazzale della Stazione), di concerto con la Soprintendenza, è stato scelto il corten, un acciaio ossidato che associa alla migliore resistenza agenti atmosferici una gradevole colorazione ossidata che ben si sposa con l’austerità delle strutture emergenti.

""

Data la scelta di dare risalto alle strutture come elemento architettonico del parcheggio la Ditta esecutrice ha dovuto eseguire i lavori con una qualità e perizia ancora più grande impegnandosi molto sulle rifiniture degli elementi a vista e sulla conservazione e ricostruzione del muro ottocentesco.

Il muro è stato curato con particolare attenzione decidendo, in corso d’opera, di farlo emergere anche all’interno del parcheggio portandolo a vista sia come elemento valorizzante la struttura, sia come testimonianza storica; un lavoro particolarmente accurato, quasi artigianale, è stato dedicato al tratto di muro di Piazzetta Ancona dove il muro è stato smontato elemento per elemento all’apertura del cantiere e quindi ricostruito pietra su pietra come paramento murario del parcheggio finito.

Proprio questo atteggiamento di attenzione da parte della Ditta e dei progettisti, ha portato allo sviluppo di una sensibilità alla qualità che li ha condotti ad introdurre l’elemento artistico all’interno del parcheggio, atteggiamento solitamente inusuale in Italia.